mercoledì 21 gennaio 2015

Destiny Chronicles - Intro: Un nuovo inizio


Lo chiamammo “Il Viaggiatore“: per noi era soltanto una grande sfera piombata nel sistema solare intorno l’anno 2020, precisamente vicino Marte, di cui disconoscevamo la natura ed il significato. Alieni? un Dio? Il suo arrivo ci cambiò per sempre. Godemmo del suo enorme potere: esso, infatti, condivideva la propria tecnologia con il nostro pianeta facendo evolvere molto più rapidamente l’intero genere umano. Grandi città furono presto costruite su Marte e Venere, Mercurio divenne un pianeta fertile; l’aspettativa di vita triplicò! Fu un’epoca di miracoli; guardavamo la galassia e sapevamo che il nostro destino era camminare nella luce di altre stelle. Ma il viaggiatore aveva un nemico: l’Oscurità, che lo cercava da millenni nei bui vortici dello spazio. Molti secoli dopo l’età dell’Oro l’oscurità ci trovò e fu la fine di tutto, il Crollo. Ebbe inizio una grande guerra, che ben presto portò al Collasso: la razza umana venne decimata e venne danneggiato persino Il Viaggiatore, che scese in un silenzio profondo vicino la Terra. I sopravvissuti costruirono una città proprio sotto la grande sfera bianca, la quale riusciva ancora ad emanare una debole energia, sufficiente a proteggere l’Ultima Città e tutti i suoi abitanti. Da allora, l’umanità ha avuto molto tempo per studiare il Viaggiatore e comprendere come sfruttarne al meglio l’energia.
Questo ha permesso agli uomini di formare un’unità d’elitè insieme alla sottospecie umana degli Insonni ed i robotici Exo: I Guardiani. Essi hanno dunque ereditato l’arduo compito di difendere la città, dovendo inoltre combattere l’Oscurità nel resto della galassia, sotto il giuramento di far tornare l’umanità agli albori di un tempo.

Autore: Albert Cyrus
Testo originale su: www.theincipit.com