sabato 31 agosto 2013

Shadowhunters - Città di ossa

Che dire, non potevo non andare a vedere il nuovo film della saaga urban fantasy del momento.
Il film è tratto dall'omonimo romanzo fantasy, il primo della saga
Shadowhunters , in lingua originale nota con il titolo The Mortal
Instruments , ideata da Cassandra Clare e ambientata a New York.
La protagonista è Clary Fray è un'adolescente newyorkese che, in un locale, assiste ad un omicidio che solo lei sembra in grado di poter vedere. Più tardi, scopre che la madre viene rapita da un misterioso uomo chiamato Valentine, che è alla ricerca della cosiddetta Coppa Mortale. Catapultata quindi in un mondo di cui ignorava l'esistenza, in cui demoni, stregoni, vampiri, licantropi e altre creature leggendarie sono realtà, si affida agli Shadowhunters Jace, Alec e Isabelle, guerrieri semi-angeli che le
persone normali non possono vedere, per iniziare un viaggio alla ricerca della madre e alla scoperta di quell'universo di cui anche lei sembra far parte. Dopo aver scoperto verità nascoste sul suo passato e sui suoi antenati, si renderà conto di avere anche lei dei poteri. Grazie alle sue doti, riesce a trovare la Coppa che era stata nascosta dalla madre, per poi vedersi tradita e costretta a rinunciare ad essa. Nel mezzo di una battaglia tra forze che a fatica riesce a capire, continuerà quindi la sua corsa contro il tempo per salvare la madre prima che sia troppo tardi.
Che dire in alcuni punti si discosta molto dal libro, però alla fine nel complesso è un film valido per il suo genere, anche se accolto freddamente sia al botteghino che dalla critica.