lunedì 4 febbraio 2013

Assassin's Creed II

Ed eccomi qua a giocare, anzi a divorare questo gioco, dopo il regalo di Natale, una PS3, mi appresto a recuperare molto tempo perso nel panorama videoludico dell' attuale generazione di giochi . . . quindi non posso che non inizare con Assassin's Creed II, dove Desmond viene portato in un nascondiglio da Lucy, dove i suoi alleati Sean e Rebecca lo invitano ad entrare in un nuovo e più potente Animus, l'Animus 2.0, chiamato da Rebecca "Baby". È il momento di esplorare i ricordi di Ezio Auditore da Firenze, un giovane nobile del 1476. Da giovane, il padre di Ezio e i fratelli vengono seguiti da Uberto Alberti, un funzionario corrotto in combutta con i Templari che farà uccidere il padre e i due fratelli di Ezio. Ezio uccide Uberto per vendetta e dopo la fuga con la sua famiglia nella villa a Monteriggioni, nella campagna toscana, apprende della sua eredità di Assassino e inizia la formazione da suo zio Mario. Ezio fa amicizia anche con l'inventore Leonardo da Vinci, che aiuta Ezio con la sua opera nella decodifica di un codice criptato che contiene le memorie di Altaïr Ibn-La'Ahad. Nel corso di un decennio, Ezio uccide i cospiratori coinvolti nella morte di suo padre, arrivando a Rodrigo Borgia, capo dell'Ordine dei Templari, che ha recuperato la Mela dell'Eden. Ezio e gli altri Assassini rivendicano il frutto, ma Borgia fugge. Ezio è formalmente un Assassino e viene detto che potrebbe essere il profeta, come descritto nel codice. Durante il corso del gioco Desmond ha un certo numero di esperienze anomale. In primo luogo egli scopre strani segni lasciati apparentemente dal Soggetto 16, la persona che prima di lui è stata nell'Animus, simili a quelli visti nel primo episodio, che nascondono una storia segreta del mondo. Molti ricordi sono saltati (questi ricordi sono giocabili scaricando i DLC La Battaglia di Forlì e Il Falò delle Vanità), lanciando la linea temporale in avanti di oltre un decennio in Vaticano, dove ora risiede Borgia come Papa Alessandro VI. Borgia è in possesso di un altro frutto dell'Eden, il Bastone Papale. Ezio incontra l'ologramma di una donna, che afferma di essere Minerva, e che sostiene anche di provenire da una civiltà i cui membri sono stati osservati anche nella stessa luce dai popoli antichi. Minerva rivela di un grande disastro che aveva colpito e distrutto la sua civiltà e avverte che potrebbe verificarsi di nuovo, presto. Parlando direttamente a Desmond, lei gli dice "Il resto spetta a voi". Desmond è tirato fuori dall'Animus, l'Abstergo ha localizzato il loro rifugio. Lui, Lucy e il resto della squadra riesce a fuggire e ben presto si preparano a tornare all'Animus per la ricerca di indizi che possano aiutarli.
Che dire, ho già messo sotto i ferri il seguito . . . quindi presto una nuova recenzione/riassunto dell' avventura